La migliore soluzione per l’appesantimento del volto: il lifting

Sebbene in Italia non siano disponibili delle statistiche dettagliate, gli interventi di lifting appaiono in crescita, specialmente tra gli uomini; meno vistosi rispetto al passato, oggi questi interventi garantiscono un ringiovanimento più realistico.

Negli Stati Uniti il lifting rappresenta il 5° intervento più richiesto dagli uomini, con un picco di domanda che raggiunge il culmine nella fascia di età tra i 50 ed i 55 anni.

È questo del resto il momento ideale per eseguire un lifting che produce generalmente un ringiovanimento di 10/15 anni, e i quali effetti durano per almeno dieci anni, prima di richiedere un eventuale richiamo.

Questo significa che si ricorre al lifting per recuperare e mantenere il più a lungo un aspetto da quarantenne, in modo tale da non apparire complessivamente come un effetto dissonante con l’età del paziente, ma consentendo di allungare l’aspetto della maturità colto nel suo momento migliore.

Un aspetto rilassato ma non falsato

Il compito di un lifting è quello di contrastare gli effetti della forza di gravità che agisce sui tessuti molli del viso; guance in primis. Da qui dipendono infatti tutte quelle modifiche del viso che coinvolgono le zone periferiche dell’occhio e degli angoli della bocca i quali, spinti verso il basso, contribuiscono a far assumere al viso un’espressione affaticata e stanca.

Il graduale collassamento dei tessuti facciali coincide proprio tra i 40 ed i 50 anni di età, per cui intervenire in questo momento consente di poter recuperare il proprio aspetto naturale senza dover stirare eccessivamente la pelle, dando quella fastidiosa impressione facciale da “galleria del vento”.

I punti nevralgici in un lifting sono quelli degli attacchi, solitamente sotto il mento e dietro l’orecchio. Proprio in quest’ultimo punto si gioca molto del risultato finale, con un attacco che, se mal posizionato, tende a spostare il lobo dell’orecchio in maniera innaturale, dando immediatamente l’impressione che qualcosa, nel viso, non sia del tutto a posto.

Questo inconveniente è più complicato da eludere se si esegue un lifting dopo i sessantanni, in quanto sarà maggiore la quantità di tessuto sul quale occorrerà intervenire, mentre anticipando di una decina d’anni il trattamento si riuscirà ad ottenere un effetto molto più naturale, rispettoso del proprio aspetto e più facile da mantenere inalterato nel tempo.

Contattaci

Sending

©2019 | Powered by Atopway | Cookie 

Log in with your credentials

Forgot your details?