Il trattamento con Tossina Botulinica consente di distendere le rughe e le pieghe del volto, che hanno origine dalla eccessiva contrazione muscolare dei muscoli mimici.
Il Botox consente di rilassare i muscoli dando al volto un aspetto sereno e rilassato ed alla pelle un aspetto liscio e levigato.

Per chi è indicato
E’ indicato per chi desidera avere un viso più rilassato e disteso, per chi vuole ottenere in maniera naturale e sopratutto mantenendo la propria mimica ed un’espressione naturale, un aspetto più riposato. Contrazione più dolce e distensione a riposo sono i due cardini fondamentali del trattamento.

Cos’è il botox
Il Botox (o tossina botulinica) è una proteina naturale purificata ottenuta dal clostridium botulinum. E’ un farmaco, che si usa per limitare la contrazione dei muscoli mimici del volto o del corpo quando questa diventa diventa eccessiva.

Qual è l’effetto sull’organismo
Il botox agisce rilassando i muscoli e limitandone la contrazione esasperata causa delle rughe e delle pieghe dinamiche del volto.
Succede infatti che nel tempo i muscoli perdono elasticità. L’organismo tenta di porre rimedio a questa perdita di elasticità mantenendo un tono di contrazione basale molto elevato. Ciò per consentire una rapida ripresa muscolare in caso di contrazione. Questo ipertono determina però una costante sollecitazione sulla cute sovrastante che rimane continuamente piegata determinando col passare degli anni segni evidenti. E’ per questo motivo che se pensiamo ad un anziano immaginiamo il suo sguardo come se fosse sempre un po’ “crucciato”, mentre se pensiamo ad un bambino ci rendiamo conto che se anche contrae lo sguardo, nel momento in cui si rilassa, i muscoli (e di conseguenza la cute sovrastante) si ridistendono non lasciando alcuna piega sul volto.
Questo ci fa riflettere su un importantissimo aspetto del trattamento con tossina botulinica, e cioè che è importante smussare le punte di ipercontrattilità dei muscoli durante il movimento, ma al tempo stesso è fondamentale ottenere una distensione (dei muscoli e della cute sovrastante) soprattutto a riposo, è questo che consente un vero rilassamento del volto e soprattutto, un risultato naturale.
Sul viso in particolare i muscoli sono direttamente attaccati alla cute, ciò per consentire di manifestare le nostre emozioni all’esterno. Questa caratteristica che rende unico l’essere umano in termini di capacità espressiva, si ripercuote sul fatto che minime sollecitazioni muscolari vengono riportate con pari forza direttamente sulla pelle, creando pieghe e rughe. Più tempo la cute rimane piegata, più e più profonde saranno le rughe e le pieghe. Al contrario più la cute beneficia dello stato di rilassatezza e distensione, minori saranno le pieghe. In più se questo stato viene mantenuto nel tempo, le rughe diminuiranno sempre di più ed il muscolo avrà una contrazione sempre più dolce. E’ quello che si chiama rieducazione funzionale del muscolo.

E’ sicuro
Il botox è un farmaco utilizzato da molti anni, ed a dosi molto più elevate rispetto a quelle utilizzate per i trattamenti di medicina estetica, nei reparti di neurologia ed oculistica per trattare le paralisi spastiche, le distonie miotoniche, gli spasmi muscolari, l’acalasia, lo strabismo ed il blefarospasmo in adulti e bambini.
Si utilizza anche per il trattamento dell’iperidrosi palmare o plantare ed in alcuni casi anche per il bruxismo e per le cefalee croniche da tensione.
E’ un farmaco che gode di un’ampia letteratura e di cui si conoscono gli effetti.

E’ tossico?
La dose terapeutica efficace del farmaco è di 1:50, ciò significa che le dosi terapeutiche necessarie per l’efficacia del farmaco sono minime.
Inoltre la DL è 40U/Kg, cioè per nuocere ad un uomo di 70 Kg servirebbe iniettare l’equivalente di 60 dosi.

Come si esegue il trattamento
Mediante una piccola siringa si iniettano alcune gocce di prodotto in corrispondenza dei muscoli mimici che vogliamo trattare, con dosi e modi diversi da paziente a paziente.
Il trattamento si esegue in ambulatorio.

E poi che succede
Terminato l’effetto del farmaco tutto torna come prima.

E se non voglio più ripeterlo?
Il trattamento è temporaneo e completamente reversibile. E’ noto ormai che tutto torna come prima del trattamento. Se fatto una sola volta, al termine dell’effetto la contrazione riprenderà gradualmente senza modificazioni anatomiche di nessun tipo.
Per conferma possiamo dire che i trattamenti ripetuti nel tempo non provocano tachifilassi, abitudine o dipendenza.
In più è importante sottolineare che il Botox è l’unico farmaco approvato dalla FDA americana per la prevenzione delle rughe. Ciò è vero in quanto chi si sottopone regolarmente al trattamento con tossina botulinica, rallenta e previene la formazione di rughe di espressione del volto in quanto impedisce che la cute venga continuamente piegata e segnata dall’eccessiva contrazione e dall’ipertono muscolare. Ha efficacia preventiva quindi e non solo correttiva nei confronti delle rughe e delle pieghe dinamiche del volto.

Ma si diffonde?
Il farmaco viene iniettato direttamente nel suo punto d’azione. La diffusione è insignificante e comunque solo locale, agisce sul muscolo trattato e non su altre parti del volto o del corpo.
E’ incapace di superare la barriera emato-encefalica, quindi non ha diffusione sul sistema nervoso centrale.

Ma io sono allergica!
Le allergie al farmaco sono rare e non sono maggior rispetto a qualunque altra sostanza.
Cioè non vi sono maggiori probabilità di essere allergici al botox più che ad altri farmaci o sostanze in genere. In alcuni preparati è presente come eccipiente l’albumina, quindi in quel caso e con quel prodotto specifico bisogna considerare questa possibilità.

Ma non ci sono controindicazioni?
Le uniche vere sono le malattie neuromuscolari, la gravidanza e l’allattamento oltre all’ipersensibilità accertata al prodotto o all’albumina. Controindicazioni relative sono terapie anticoagulanti o anti aggreganti.

Precauzioni?
Nessuna, ma meglio non prendere aspirina nei giorni che precedono il trattamento.

Prima del trattamento
E’ fondamentale un adeguato studio pre trattamento che si effettua sul viso della paziente per valutare qual’è l’azione, la posizione esatta, l’inserzione e la forza dei diversi muscoli.
Questo studio ci consente l’esecuzione di un trattamento personalizzato, specifico per la paziente in quel momento.
E’ mia personale opinione che ogni paziente necessiti di un trattamento personalizzato che varia di volta in volta in base alle specifiche esigenze.
Trattamenti personalizzati e non schemi classici consentono di ottenere risultati naturali.

Dopo cosa devo aspettarmi
E’ importante evitare di sfregare o massaggiare il volto nell’immediato post trattamento e per le ore successive. Meglio anche evitare di truccarsi o struccarsi, fare palestra, piscina, sauna, bagno turco, lavare o asciugare i capelli.
Può esserci un lieve rossore nelle zone trattate e può esserci qualche piccolo ponfettino; entrambi spariscono entro poche ore dal trattamento.
Minuscole ecchimosi possono presentarsi nel punto di inoculo, si risolvono comunque spontaneamente nel giro di una settimana circa.

Azione e durata
Il botox agisce entro pochi giorni e mantiene il risultato ottenuto per circa 6 mesi. E’ stato visto inoltre che i pazienti che si sottopongono in maniera ripetuta o regolarmente al trattamento beneficiano di una durata maggiore.

  • C. Montecucco, J.Molgó, Botulinal neurotoxins: revival of an old killer, Current opinion in pharmacology 5 (3): 274-9 (2005)
  • “Le basi molecolari del tetano e del botulismo”, di Giampietro Schiavo, Ornella Rossetto e Cesare Montecucco, pubbl, su “Le Scienze (Scientific American)”, num.304, dic.1993, pag.40-48
  • Diane O. Fleming, Debra Long Hunt, Biological Safety: principles and practices, ASM Press, 2000, p. 267
    Joseph J. Licciardello, John T. R. Nickerson, Crystal A. Ribich, and Samuel A. Goldblith, Thermal Inactivation of Type E Botulinum Toxin, Appl. Microbiol. 15(2): 249–256 (1967)
  • Foran PG, Mohammed N, Lisk GO, et al., Evaluation of the therapeutic usefulness of botulinum neurotoxin B, C1, E, and F compared with the long lasting type A. Basis for distinct durations of inhibition of exocytosis in central neurons, J. Biol. Chem. 278 (2): 1363-71 (2003)
  • Wissel J, Ward AB, Erztgaard P, Bensmail D, Hecht MJ, Lejeune TM, Schnider P, European consensus table on the use of botulinum toxin type A in adult spasticity. J Rehabil Med. 41:13-25 (2009)