Ha come scopo quello di riattivare i fibroblasti, cellule responsabili della produzione di collagene, elastina e glicosamminoglicani (ad esemipo l’acido ialuronico), favorendo così il recupero della normale funzionalità biologica delle cellule cutanee. Ciò si traduce in una cute nettamente più idratata, compatta e luminosa ed in una riduzione delle rughe.
Con il passare del tempo nella cute si osserva diminuzione del tono e dell’elasticità, assottigliamento, secchezza, e comparsa di rughe e di depressioni cutanee.
La biostimolazione consente di affrontare queste problematiche in modo naturale, “stimolando” appunto la cute e riportandola verso un nuovo equilibrio funzionale.

Per chi è indicato
Per chi vuole migliorare lo stato della cute senza avere aumenti volumetrici o modificazioni dei tratti del volto.
Per chi desidera mantenere giovane la pelle e per chi si prepara ad un periodo di stress cutaneo o esposizione solare. In questi casi infatti, la cute beneficerà degli stimolanti assunti dall’esterno ed avrà maggiori possibilità di difesa, non patendo i danni causati dagli agenti esterni. Per chi semplicemente vuole vitalizzare la pelle e migliorarne l’aspetto. Può essere eseguita sia a scopo preventivo che terapeutico.

In quali aree del volto o del corpo si esegue
Si può fare praticamente in tutte le aree di volto e corpo nelle quali si desideri migliorare la pelle. Con maggiore frequenza si trattano le regioni periorbitaria, le guance, la bocca e la regione peribuccale, la regione mentoniera, la regione mandibolare, il collo in corrispondenza della “collana di venere” e il decolleté compresa la regione inter mammaria. Ma anche le mani, le braccia, le gambe, l’interno cosce, i glutei.

Cos’è la Biostimolazione
E’ l’utilizzo di sostanze già presenti nell’organismo, che vengono fornite dall’esterno ed hanno la funzione di attivare i fibroblasti ed ottenere l’ottimizzazione biologica e fisiologica della cute.
L’invecchiamento cutaneo, come sappiamo è legato alla minore capacità dei fibroblasti di produrre acido ialuronico e collagene che rappresentano i costituenti fondamentali della matrice extracellulare, questi ultimi legando molecole d’acqua determinano il grado di idratazione ed elasticità della cute.
Vitamine, amminoacidi, minerali, coenzimi, acidi nucleici (polidesossiribonucleotidi) ed altri fattori biostimolanti vengono iniettati direttamente nel derma per stimolare la riattivazione dei fibroblasti.
La nuova frontiera nel campo della biostimolazione è l’utilizzo del PRP (Plasma ricco di Piastrine). Il PRP è un siero che contiene un concentrato di Piastrine.

Come si presenta
Sotto forma di liquido. I differenti componenti vengono associati in base alle diverse esigenze. Ci saranno quindi diversi tipi di miscele che si differenziano in base alla combinazione dei diversi nutrienti.

Quali sono i possibili effetti benefici

Miglioramento della struttura cutanea anche in pelli giovani. Miglioramento di ritenzione idrica nel connettivo cutaneo. Miglioramento dei processi che aiutano a riparare le membrane cellulari danneggiate.
L’impiego localizzato degli aminoacidi permette di fornire il substrato per la biosintesi dei Glicosamminoglicani, ottimizzando la gestione del collagene e dell’elastina endogeni. Inoltre viene incrementata l’idratazione del derma e dell’epidermide ed e’ stimolata la funzionalita’ fibroblastica.
Le vitamine hanno azione antiossidante (agiscono contro i radicali liberi) e favoriscono le funzioni el sistema immunitario.
I minerali garantiscono l’equilibrio ionico per regolare le numerosi funzioni cellulari.
I coenzimi attivano e presiedono le reazioni biochimiche.
Gli ac.nucleici stimolano le sintesi delle proteine nobili del derma.
Tutto concorre a stimolare i fibroblasti nella produzione di nuove fibre collagene ed elastina.
L’acido ialuronico che segue alla stimolazione, garantisce alla pelle il giusto grado di idratazione e promuove la produzione di nuovo collagene.

Cosa determina
Idratazione cutanea, stimolazione fibroblastica, azione anti radicali. Nutrimento, bio-rivitalizzazione e bio-tonificazione. Ristrutturazione cutanea. Miglioramento dell’elasticità e della luminosità della pelle.

E’ sicuro
Si tratta di sostanze fondamentali prodotte o assimilate dall’organismo come nutrienti e delle quali si conoscono i positivi effetti benefici (vitamine, antiossidanti, ecc..).

Per cosa si usa?
Pelle molto disidratata, asfittica, denutrita. Pelle danneggiata e stressata da agenti fisici esterni. Correzione di fini irregolarità cutanee.

Provoca allergie?
I prodotti utilizzati non sono allergenici. E’ utile in ogni caso riferire la propria storia clinica in riferimento ad allergie o intolleranze cutanee a cosmetici o altri prodotti.

Non ci sono controindicazioni o precauzioni?
Vi sono alcuni casi specifici, come alcune malattie della pelle, del sistema immunitario, o del metabolismo (tipo diabete), alterazioni dell’equilibrio idro-elettrolitico, turbe coagulative. Inoltre gravidanza ed allattamento. Meglio poi rimandare il trattamento in caso di infezioni o infiammazioni in atto nelle zone interessate.
E’ fondamentale riferire se in precedenza sono stati eseguiti altri trattamenti con altri materiali nelle aree da trattare.
E’ utile inoltre evitare di assumere aspirina nei giorni che precedono il trattamento.

Come si esegue il trattamento
Mediante una piccola siringa si iniettano goccioline di prodotto direttamente nel derma.
L’applicazione di una crema anestetica può rendere più confortevole la seduta.
Il trattamento si esegue in ambulatorio e consente una ripresa immediata della vita di relazione.

Prima del trattamento
E’ utile scegliere un cocktail di nutrienti e vitamine indicati per la situazione specifica di ognuno di noi. E possibile anche variare l’apporto di nutrienti nelle diverse sedute in modo da avere un assunzione completa di tutti i principi attivi.

Dopo che succede?
Dopo il trattamento, la cute beneficia di questo apporto di nutrienti il cui vantaggio è inoltre di essere direttamente iniettati la dove servono, cioè a livello del derma. I vari componenti esplicano i loro effetti benefici secondo le loro caratteristiche, apportando nuova vitalità alla pelle. Vengono poi utilizzati dalla pelle fino al loro esaurimento.

Ma l’effetto quanto dura?
Dipende sia dal tipo di pelle, dal grado di idratazione e nutrimento in cui si trova e sia dalle caratteristiche metaboliche del nostro organismo.
Lo scopo è quello di stimolare e nutrire la pelle, quindi è utile ripetere i trattamenti eseguendo dei cicli di sedute.

E se non voglio più rifarlo?
E’ come aver mangiato un cibo sano. Meglio ripetere, ma al limite, una volta, può fare solo bene.
Certamente ripetendolo nel tempo non solo si migliora la situazione di partenza, ma si mantiene una condizione di benessere cutaneo che previene o allontana i segni dell’invecchiamento.

Dopo cosa devo aspettarmi
E’ possibile che ci sia un lieve rossore nella zona trattata che sarà caratterizzata dalla presenza per alcune ore di “ponfettini”, dovuti appunto al rilascio del prodotto direttamente a livello dermico.
Piccole ecchimosi possono presentarsi nel punto di iniezione, e salvo casi particolari, si risolvono comunque spontaneamente nel giro di una settimana circa.
Dopo il trattamento è bene non esporsi al sole o fare lampade. E meglio inoltre evitare trattamenti estetici aggressivi.
E’ utile completare il trattamento con creme specifiche, da applicare a domicilio, nelle zone trattate.

Dopo il trattamento
E’ utile completare il trattamento con creme specifiche da applicare sulle zone interessate. Il trattamento inoltre beneficia dell’assunzione di complessi di vitamine ed antiossidanti che forniscono alla cute ulteriori nutrienti di cui usufruire per i processi di rivitalizzazione.